VIETNAM

Catalogo Viaggi Novembre 2019 – Aprile 2020

 

C’è profumo d’arancia e cannella davanti all’altare degli antenati nelle case del Vietnam. E quegli esili fili di fumo che salgono dagli incensi messi a bruciare, altro non sono che scale invisibili per collegare la terra al cielo. Paese poetico e martoriato dalla storia, il Vietnam ha smesso di essere una guerra, è una terra libera e unita, anche se mantiene molte diversità. Il nord legato alle tradizioni la splendida Hanoi, la baia di Halong, migliaia di isolotti circondati da acque placide: secondo la leggenda, questa è la casa del drago che protegge i vietnamiti, pronto ad aggredire chiunque osi minacciarli. Quei piccoli troni di roccia calcarea che si vedono spuntare dal mare sarebbero pezzi della sua coda. Da non perdere Hue, la capitale imperiale, Sapa, con le tribù cinesi, Da Nang, dove a China Beach gli americani facevano surf, la piccola e preziosa Hoi An, Phu Quoc, l’isola a forma di lacrima, Ho Chi Minh City, l’ex Saigon. Attenzione al Nguoc nam, salsa di pesce, ottima nel cibo, uno dei peggiori odori che si possano sentire. Straordinario il pho, zuppa di tagliolini con carne e verdure, costa un euro, sufficiente per un pasto, a pranzo, cena o colazione. Andare a vedere lo spettacolo delle marionette d’acqua, unico al mondo.

 

PREPARATI AL VIAGGIO

  • È possibile visitare il Paese tutto l’anno tenendo presente le differenze climatiche esistenti tra nord e sud. Nella regione settentrionale da novembre ad aprile temperature più miti, tra i 16 e 23 gradi, da maggio a ottobre circa 30 gradi e piogge abbondanti.
  • Al centro il clima è tropicale, la stagione secca va da novembre a marzo. La regione meridionale ha un clima sub-equatoriale con temperature mediamente più elevate, la stagione secca va da dicembre ad aprile.
  • È necessario il passaporto con validità residua di almeno 6 mesi dalla data di ingresso nel Paese.
  • Il visto per turismo non è necessario per soggiorni fino a 15 giorni e per ingresso singolo. Per soggiorni di durata superiore è gratuito, deve essere richiesto prima della partenza online sul sito ufficiale https://immigration.gov.vn/.
  • Il fuso orario è di 6 ore in più rispetto all’Italia, un’ora in meno con l’ora legale.
  • La moneta ufficiale è il Dong.
VIETNAM Catalogo Viaggi Novembre 2019 - Aprile 2020

VIETNAM
Catalogo Viaggi Novembre 2019 – Aprile 2020

SAPA

1° GIORNO HANOI > LAO CAI Si parte di sera, in treno verso le 22:00. Una decina di ore in carrozze con cuccette confortevoli e pulite, dove si vive un’esperienza di autentico contatto con i vietnamiti.

2° GIORNO LAO CAI > SAPA (colazione) Sapa è un’esplosione di colori, di sorrisi, di tradizioni che non si immaginano. Il treno arriva a Lao Cai verso le 5:30 di mattina. Prima colazione in un ristorante locale e proseguimento fino al mercato etnico di Bac Ha dove le tribù vendono stoffe, bottoni, borse, alimentari. Arrivo a Sapa, regione al confine con la Cina, nel pomeriggio.

3° GIORNO SAPA (colazione, pranzo) Risaie a terrazze, tavolozze di verde che sembrano scale cromatiche di un pittore. Un trekking non impegnativo, per scoprire le bellezze della valle di Muong Hoa e delle tribù che lo abitano. Nel villaggio di Lao Chai lezione di batik, tecnica di tintura tessile tradizionale della etnia Hmong. Trasferimento in auto al villaggio di Ta Phin, abitato dai Red Dzao. Pranzo in una casa e incontro con la famiglia. Possibilità di provare un bagno caldo alle erbe: opzionale, costa 15 dollari americani e deve essere pagato direttamente alla comunità.

4° GIORNO SAPA > HANOI (colazione) In cima al Fansipan, la montagna più alta di tutta l’Indocina, con i suoi 3.143 metri. Si arriva in funivia e con un tratto in ferrovia di montagna, attraverso tunnel e gole. Nel pomeriggio rientro ad Hanoi in minivan, 6 ore circa.

HALONG BAY

1° GIORNO HANOI (pranzo, cena) Ci vogliono circa tre ore per arrivare da Hanoi alla splendida baia di Halong. Ma anche la strada è uno spettacolo continuo, perché la fantasia dei vietnamiti è sorprendente, capaci di caricare anche una famiglia di cinque persone su un motorino. Halong è una delle meraviglie naturali del Vietnam, dichiarata dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità. Crociera in giunca tra le isole che secondo la leggenda sarebbero la coda del drago che immerso nelle acque protegge il Vietnam e il suo popolo. La notte a bordo è fra le più romantiche che si possano vivere. Indimenticabile.

2° GIORNO HALONG BAY > HANOI (colazione, brunch) Mille sorprese nella baia di Halong, quelle che incantarono Catherine Deneuve quando venne qui a girare alcune scene del film Indocina: faraglioni e isolotti che si rincorrono in una fuga verso l’infinito, grotte, spiagge, villaggi su palafitte, l’emozione di imbarcarsi e navigare su giunche che attraversano la baia ma anche le barriere del tempo e conducono in un mondo che profuma di altri tempi. Si può anche fare il bagno, dipende dalla temperatura dell’acqua: provare, è un ricordo che non si cancella. Nel pomeriggio rientro ad Hanoi.

VIETNAM Catalogo Viaggi Novembre 2019 - Aprile 2020

VIETNAM
Catalogo Viaggi Novembre 2019 – Aprile 2020

DELTA DEL MEKONG

 

1° GIORNO HO CHI MINH > CAN THO (pranzo, cena) Una paio d’ore di macchina e si arriva a Cai Be, dove ci si imbarca per navigare sul Mekong, uno spettacolare viaggio tra i canali del Delta, detto anche “dei Nove Dragoni”, quanti sono i rami della foce. Qui sull’acqua si vive e ci sono numerosi e spettacolari mercati galleggianti, alcuni molto grandi, una specie di mercati generali da dove i prodotti vengono poi avviati verso le altre zone della regione. Molto attiva anche la produzione di carta di riso, di cui si visita una fabbrica prima di proseguire per Can Tho, la capitale del Delta.

2° GIORNO CAN THO > CHAU DOC (pensione completa) Sveglia di buon’ora: le prime ore del mattino sono le più animate e vivaci nel mercato galleggiante di Cai Rang, sul fiume Rach Ngong: assaggiare qualche frutto e anche il caffè che servono dai barchini. Dopo il pranzo visita alla pagoda Tay An, a templi Lady Xu e al Thoai Ngoc Hau. Ancora in navigazione fino al villaggio Champa. Trasferimento a Chau Doc, cena e pernottamento.

3° GIORNO CHAU DOC > HO CHI MINH (colazione, pranzo) In auto per Ho Chi Minh City, viaggio lungo, dura circa 8 ore. Chi invece va in Cambogia parte per Phnom Penh in barca veloce (pranzo non incluso).

PHU QUOC

L’isola a forma di lacrima, che fa sorridere chi la raggiunge. Phu Quoc è un piccolo paradiso tropicale, uno dei mari più belli del Vietnam con spiagge candide, acqua cristallina e villaggi di pescatori. È stata a lungo la casa del “nuoc nam”, la salsa di pesce che i vietnamiti usano per qualunque cibo, e il suo profumo, non sempre gradevole, si diffondeva su tutta l’isola. C’erano anche basi militari, Phu Quoc è vicina alla Cambogia che ogni tanto la reclama: ma oltre la polemica, i due Paesi non sono mai andati. La bellezza dei luoghi e il turismo crescente, hanno in fretta spazzato via laboratori di “nuoc nam” e soldati, per far posto a resort sempre più esclusivi, confortevoli, romantici. Di Phu Quoc dicono che in breve potrà entrare nel ristretto numero delle destinazioni più ricercate ed apprezzate dai viaggiatori più esigenti. Di certo già oggi è un bel posto, con angoli di un mondo che altrove è scomparso, la dolcezza del Vietnam e la bellezza della natura. Per chi sceglie di visitarla ora, è la lacrima di gioia che non si dimentica.

 

Strutture ricettive

La Veranda Resort

 

Boutique resort romantico a Phu Quoc, la bella isola a forma di lacrima a sud della costa vietnamita. Piacevole ambiente coloniale, grazie a un’architettura semplice ma ricercata che avvolge tutto il resort di un’atmosfera intima, da elegante residenza privata. Le camere hanno tutti i confort, compresa la connessione Wi-Fi. Bellissima la spiaggia di Long Beach, possibilità di praticare tutti gli sport acquatici. Due ristoranti, con cucina Pacific Rim, che combina più tradizioni asiatiche e anche piatti europei, pizza compresa, possibilità di organizzare cene a lume di candela sulla spiaggia. A disposizione degli ospiti anche una piscina e la Spa, ideale per rilassarsi con massaggi e trattamenti di bellezza.

Salinda Resort Phu Quoc

Un resort che è una piccola magia vietnamita. Le palme si specchiano nella piscina, riflessi d’acqua tremolanti nella luce del tramonto e grande atmosfera sul mare tranquillo di Phu Quoc. È l’immagine della serenità vietnamita in questa piccola isola, meta molto gradita anche alla fine di un tour del Paese. Un hotel di lusso, rilassante e accogliente, direttamente affacciato su Long Beach, una lunga spiaggia di sabbia bianca, piscina all’aperto e due ristoranti, uno dei quali di cucina italiana. Le 112 stanze e suite sono spaziose, hanno balcone e connessione Wi-Fi, climatizzate e dotate di docking station per iPod, TV satellitare a schermo piatto, un’area salotto. Centro fitness, Spa e miniclub per i bambini. Possibilità di praticare sport acquatici.

Poulo condor boutique resort

 

Poulo Condor era il nome, nel XVIII secolo, dell’arcipelago di Con Dao, 15 isole e isolette al largo della costa sud del Vietnam. Di quel tempo è rimasto molto, nei luoghi e nel fascino di questo resort, una splendida villa coloniale, affacciato su una spiaggia bianca di oltre 750 metri. Si arriva con poco meno di un’ora di volo da Ho Chi Minh city, la prima cosa che colpisce è il silenzio. Un boutique resort intimo, con 36 sistemazioni fra suites e ville, tutte molto ampie e con un gradevole spazio esterno. Ristorazione ricercata, con cucina vietnamita e influenze francesi, mentre nella terrazza della bella piscina vengono serviti light snack e gelati. Spa, Wi-Fi gratuito. Qui, dove il tempo si è fermato.

Six Senses Con Dao

La raffinata eleganza del Six Senses, quel tocco in più che rende indimenticabile una vacanza. Affacciato su oltre un chilometro di spiaggia dorata su questa isola ancora incontaminata a sud-est del Vietnam, a 230 chilometri da Ho Chi Minh. Il resort propone 50 bungalow realizzati con materiali sostenibili e grande attenzione al rispetto per la natura, piscine private a sfioro, maggiordomo, mare cristallino, giardini tropicali. I due ristoranti, di cui uno sulla spiaggia, propongono una gastronomia a base di ingredienti biologici e specialità internazionali e vietnamite. A disposizione degli ospiti palestra, sport acquatici, Spa per massaggi, trattamenti di bellezza e antistress, kids club, gelateria, biciclette e Wi-Fi gratuito in tutta la struttura.

Amiana Resort

Tranquillo, isolato, affacciato su una bella baia, offre il meglio di Nha Trang, un Vietnam che può essere vivace o di infinito relax. Spiaggia privata, piscina naturale di 2.500 metri quadrati con acqua di mare, 2 piscine a sfioro con acqua dolce, un bel parco tropicale. Camere e ville sono ampie e confortevoli e alcune ideali per le famiglie. Nei due ristoranti vengono proposte specialità della gastronomia vietnamita, anche a base di pesce, oltre a piatti internazionali. A disposizione degli ospiti palestra attrezzata, tennis, minigolf, tutti gli sport acquatici, snorkeling, immersioni, battute di pesca, jet ski e per i più piccoli un vivace kids club. Nella Spa, massaggi e trattamenti di bellezza. Connessione Wi-Fi, navetta gratuita per il centro di Nha Trang.

 

Crociera Sul Mekong

Volteggia sul Tibet, invisibile e potente. E affida agli spruzzi esili della sorgente le sue virtù miracolose. Zajioadujiawangzha è lo spirito protettore del Mekong, un sorso di eternità per i fedeli dell’altopiano, ai quali basta bere appena un goccio di quell’acqua per assicurarsi una vita lunga e felice. Magie d’Oriente, dove il fiume scorre placido e impetuoso, attraversa pianure e accarezza villaggi, inventa rapide e consola solitudini. Come quelle dei bonzi che spesso vengono a pregare sulle rive, sulle spiaggette che sbocciano all’improvviso. Il Mekong è una storia d’amore per la gente d’Indocina e una preziosa collana di emozioni per chi vuole fare rotta lungo il sentiero fluido di “sorella acqua”. Nasce in Tibet e sfocia nel delta dei Nove Dragoni a sud di Ho Chi Minh City, in Vietnam, dopo avere attraversato lo Yunnan cinese, il Myanmar, la Thailandia, il Laos e la Cambogia. Scorre la storia lungo quelle rive, esplorazioni, guerre, antiche tradizioni, fede, contrabbandi, l’animo fiero e gentile, a volte anche crudele, delle genti d’Asia. Questi luoghi sono stati culla di culture straordinarie e oggi sono meta di crociere al tempo stesso romantiche e rilassanti, un mix perfetto di cultura e vita di tutti i giorni, templi e case di gente comune, musei e botteghe, perfino una scuola, che si visita durante le lezioni. Navigare su questo fiume è come viaggiare dolcemente nella macchina del tempo, su navi, la Mekong Navigator e la Mekong Jewel, che hanno design e arredamenti ispirati alle case padronali dell’era coloniale francese, come quelle della vecchia Saigon. Le navi hanno suite eleganti e confortevoli, con aree comuni raffinate: Le Salon Lounge, bar e servizio anche sul Sun Deck, una Biblioteca con Internet Lounge, l’Observation Lounge, il ristorante Le Marché e il centro benessere e fitness La Vie.

1° GIORNO SIEM REAP > KAMPONG CHAM Dagli splendori di Siem Reap, dove si trova Angkor Wat, inizia via terra un percorso spettacolare, con sosta per il pranzo, che si conclude a Kampong Cham, dove ci si imbarca. Benvenuto e cena a bordo, un’esperienza gastronomica fra tradizione e nuova cucina cambogiana.

2° GIORNO WAT HANCHEY > ANGKOR BAN > PHNOM PENH Il Wat Hanchey è un complesso religioso indù e buddista, dove chi vorrà, potrà ricevere una benedizione dai monaci. Panorama spettacolare dalla sommità della collina, da dove per tornare alla nave si devono scendere 303 gradini, fra stupa, pagode, statue. Chi preferisce, può servirsi di un pullman, a disposizione. Nel pomeriggio visita al tranquillo Angkor Ban, un villaggio che sembra smarrito in una dimensione senza tempo. Poche famiglie, si visita una casa tradizionale e una scuola, per assistere, con i bambini, a qualche momento delle lezioni. Piacevole passeggiata e sosta in un monastero prima di rientrare a bordo.

3° GIORNO PHNOM PENH La storia di ieri, una tragedia dei giorni nostri. Poco fuori Phnom Penh c’è il sacrario di Choeung Ek, quel che resta di un campo di sterminio dei Khmer rossi, i famigerati Killing fields, utilizzati tra il 1975 e il 1979. Passeggiata tra i campi e visita al Tuol Sleng, museo del genocidio, conosciuto come S-21: era una scuola, venne trasformato in carcere e luogo di tortura. Impressionante. Un enorme pannello ospita le foto dei volti di tutti i prigionieri che passarono di lì. Pomeriggio libero, bus e guida in inglese a disposizione per esplorare liberamente la capitale.

4° GIORNO PHNOM PENH In tuk tuk, attraverso i luoghi più significativi di Phnom Penh: il Palazzo Reale, la Sala del Trono, il Padiglione della Luce Lunare e la Pagoda d’Argento, dove si trovano il Buddha di Smeraldo e il Buddha Maitreya, con oltre 9 mila diamanti. Sarà poi la volta del Museo Nazionale, con una ricca collezione di arte khmer. Nel pomeriggio, possibilità di partecipare a numerose escursioni oppure di proseguire in libertà, in una città che offre molte suggestioni: shopping, relax, drink in alcuni locali storici. Aperitivo al Sun deck della nave con uno spettacolo di danza tradizionale.

5° GIORNO BORDER CROSSING Il Mekong attraversa il confine: si lascia la Cambogia e si entra in Vietnam. La giornata scorre tranquilla, relax sul ponte sole, nella libreria, o magari nella Spa La Vie, per un massaggio. Man mano che si procede, lo stile e le architetture delle abitazioni cambiano: muta anche la cucina, come si noterà nella cena che sarà servita a bordo.

6° GIORNO LONG KHANH ISLAND > CU LAO GIENG In sampan, le barche tradizionali, si raggiunge la piccola isola di Hong Ngu, non lontano dal Delta del Mekong e dal confine tra Vietnam e Cambogia: qui vengono prodotte le tradizionali sciarpe khmer, poi esportate in Cambogia. Nel pomeriggio visita a un altro villaggio, Cu Lao Gieng, i cui abitanti sono specialisti nel costruire i sampan. Con una di queste barche si va a visitare la Cattedrale, costruita nel 1879, appena qualche anno dopo la Cattedrale di Notre Dame a Saigon, eretta nel 1863. Ci sarà anche la possibilità di incontrare un veterano della guerra del Vietnam e di visitare la sua casa.

7° GIORNO CAI BE > SA DEC > MY THO Gli stretti canali del Mekong, vicoli d’acqua che conducono a pittoreschi villaggi. A bordo dei sampan si entra nella vita dei vietnamiti, che in questa zona si svolge davvero sul fiume, con affascinanti mercati galleggianti. Sosta a Sa Dec, dove si fabbricano mattoni utilizzando argilla proveniente dal fiume. E poi la grande sorpresa: visita alla casa di Hyun Thuy Le, il ricco cinese che ha ispirato il romanzo di Marguerite Duras, “L’amante”, diventato famosissimo grazie al film. Balletto cinese di benvenuto, la danza del Leone, davanti al tempio della famiglia Thuy Le. Ritorno alla nave per il pranzo e proseguimento fino a Cai Be, dove in sampan si raggiunge una casa tradizionale vietnamita, la Ba Duc House, visita alla casa e ai giardini. Proseguimento verso una tradizionale fabbrica dove è prodotto tutto quello che ha a che fare con il riso: carta, vino, perfino caramelle. La navigazione riprende verso My Tho e con un’elegante cena vietnamita nel salone “Le Marche” si celebra il saluto al Mekong

VIETNAM Catalogo Viaggi Novembre 2019 - Aprile 2020

VIETNAM
Catalogo Viaggi Novembre 2019 – Aprile 2020

Richiedi un preventivo presso la nostra agenzia di Viaggi AQVATRAVEL.it

Scegli la tua prossima destinazione